Archive for giugno, 2009

Rianimare la democrazia: contro i pericoli del capitalismo consumistico

lunedì, giugno 29th, 2009

boundaries.jpg

“La democrazia ha molti nemici in attesa tra le quinte, politici e movimenti per il momento costretti a giocare secondo le sue regole ma il cui intento reale è tutt’altro – populista, di manipolazione mediatica, intollerante e autoritario. Conquisteranno molto spazio, se non riformeremo rapidamente le nostre democrazie. E non c’è ambito in cui questa riforma sia più necessaria che in seno alla stessa Unione Europea.” (altro…)

L’università  truccata

venerdì, giugno 19th, 2009

couldyouentry.jpg

“Il tema essenziale di questo libro è che l’università italiana non si riforma con gli appelli al civismo né con una nuova ondata di regole, prescrizioni e controlli, né con azioni della magistratura. Ciò che serve all’università italiana è una cosa sola: un sistema di incentivi e disincentivi adeguati, per cui sia nell’interesse stesso degli individui cercare di fare buona ricerca e buona didattica, ed evitare comportamenti clientelari. Ma come far sì che gli individui, facendo il proprio interesse, attuino automaticamente comportamenti virtuosi? Basta applicare un principio molto semplice: «le risorse seguano la qualità», sia (e questo è importante) a livello di individui che a livello di atenei. Il vero indice della decadenza dell’università italiana non è tanto il famoso brain drain, cioè l’esodo di ricercatori all’estero, quanto il fatto che pochi studenti e ricercatori stranieri vogliono venire da noi a studiare e fare ricerca.” (altro…)

Economia canaglia

martedì, giugno 9th, 2009

pacworld.jpg
Stiamo assistendo a un capovolgimento dell’ordine mondiale che va dalla costruzione dell’impero economico cinese all’ascesa della finanza islamica fino ad arrivare al disastro dei mutui americani. Il primo candidato al fallimento è il ceto medio che da fondamento dell’economia occidentale rischia di diventare il nuovo proletariato globale.
Lo stato-mercato non ha né la forza né la volontà di intervenire, l’unica via di uscita è la presa di coscienza da parte del consumatore che però deve essere consapevole della sua condizione per non rimanere vittima del sistema. (altro…)


facebook like